22 luglio 2014

Restyling di un pensile recuperato

La rubrica degli esperti torna prima della chiusura estiva del blog per presentarvi il suo ultimo "acquisto"; protagonista di oggi è una donna molto gentile con una grande passione: il restyling di vecchi arredi. 
Abbiamo il piacere di ospitare Liana Di Nardo di Restauro e Restyling. La nostra nuova amica ha conseguito alla Lignarius di Roma la qualifica di Restauratrice del mobile e manufatti lignei. Questo le ha permesso di avere le competenze per prendere un mobile datato e rovinato e riportarlo in vita dandogli un nuovo look. Che sia una semplice pulitura o una ricostruzione di parti mancanti, Liana ci mette tutta la sua passione e professionalità per ottenere un risultato sorprendente, come dimostra l'esempio che vi mostriamo qui di seguito. Sapendo quanto amiamo i restyling, potevamo farci scappare l'occasione di mostrarvi i lavori di Liana? Questo è il primo di tre post in cui Liana ci mostrerà il suo lavoro e il suo amore per lo stile Shabby chic.
Ora vi lasciamo alle parole di Laura, ricordandovi di seguirla sul suo sito.


Si trattava di un vecchio pensile, in quanto presentava i ganci posteriori per stop a muro, con due sportelli scorrevoli ed un piccolo piano sottostante, per il quale ho immaginato un restyling con nuova destinazione d'uso. Per quanto non di valore riconducibile ad un mobile antico, i pannelli laterali presentavano un impiallacciatura rovinata che ho provveduto ad eliminare, ho proseguito con una pulizia totale con il sapone di marsiglia, comunemente utilizzato come primo step di un restauro su mobili antichi in quanto non corrosivo, alla rimozione dei ganci posteriori e ad una scartavetratura su tutta la superficie.


Ho ritenuto che lo stile "Shabby Chic", avrebbe consentito di correggere le varie imperfezioni e avrebbe dato nuova luce a questo arredo, per cui ho passato della cera nei punti di maggiore usura a vista, successivamente ho passato del bianco all'acqua, ed una volta asciugato il tutto, con della carta vetrata fine ho ripassato in modo leggero su tutto il mobile in modo da lasciar riapparire il color legno, nei punti dove precedentemente avevo passato la cera.

La finitura a volte dipende anche dal tipo di mobile e della sua collocazione in casa: questo l'ho rifinito con della cera gialla alternata a quella scura, passata con della paglietta d'acciaio molto fine. Quattro piedini di legno inchiodati nella parte sottostante, hanno permesso di collocare il mobile finito nel salone di casa, carino come sottofinestra, simpatico in una parete cieca, può trovare varie sistemazioni.

Se anche voi siete interessati a scrivere un post sul nostro blog parlando di un argomento in cui vi sentite particolarmente competenti e che volete far conoscere più diffusamente via web, non esitate a contattarci scrivendoci su arredamentofacileblog@gmail.com.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...