25 luglio 2017

Installare un nuovo ascensore

Ancora pochi giorni ancora e anche noi andremo finalmente in ferie, ci rilasseremo in spiaggia all'ombra dell'ombrellone e ci tufferemo a mare per sconfiggere il caldo.
Come ogni estate saremo ospiti di parenti nel sud Italia, in una casa familiare risalente agli anni 70 costruita su tre piani che, purtroppo, non è dotata di ascensore.
Questo costituisce un grosso problema sopratutto per gli spostamenti, ormai rari, della nonna che abita al piano terra e che, non riuscendo più a salire le scale, necessiterebbe di una soluzione per potersi muovere in libertà come, ad esempio, l'installazione di un ascensore.
L'installazione di un ascensore in condominio esistente, sia esso costituito da pochi o tanti piani, è un'innovazione volta al superamento delle barriere architettoniche.


Vediamo adesso quali sono gli step da seguire per l'installazione di un ascensore in un condominio che ne è, al momento, sprovvisto.
Per Legge è previsto che l'assemblea di condominio possa decidere la realizzazione di un nuovo ascensore con una maggioranza semplice (con la maggioranza degli intervenuti, rappresentanti i 501 millesimi dell’edificio).
In questo caso, la spesa per la sua realizzazione andrà divisa tra i condomini in base ai millesimi di proprietà ma, se non si ottiene il consenso dei condomini, si può sempre installare a proprie spese l'impianto (facendone richiesta al Comune di residenza), avendo però cura di uno pregiudicare i diritti degli altri condomini o il valore architettonico del fabbricato.
L'ascensore potrà essere costruito internamente, se c'è sufficiente spazio a disposizione, oppure esternamente sulla facciata dello stabile: in questo secondo caso non vanno rispettate le norme sulle distanze minime tra le costruzioni in quanto l’ascensore realizzato all'esterno dell’edificio non costituisce una “costruzione” secondo la nozione data dal Codice civile e, quindi, non sono applicabili le disposizioni in tema di distanze.


Dato che non si tratta certo di una spesa irrisoria, bisogna scegliere con attenzione l'azienda a cui affidarsi, assicurandosi che abbia un buon rapporto qualità-prezzo ma che sia, al tempo stesso, affidabile e competente ed in grado di seguirvi step-by-step in questa non semplice scelta.
Affidatevi quindi ad un'azienda italiana come, ad esempio, SIL.MA Ascensori, azienda
(ben distribuita sul territorio piemontese e ligure) con oltre vent'anni di esperienza nel settore che vi seguirà dalla progettazione fino alla certificazione finale dei lavori richiesta per legge, accompagnandovi anche durante gli step burocratici comunali.
SIL.MA Ascensori è specializzata nell'installazione e/o ammodernamento di impianti esistenti e manutenzione di ascensori interni e esterni, un'azienda in grado di offrirvi un servizio "chiavi in mano" ed assistenza 24 ore su 24. Per un preventivo gratuito o per avere ulteriori informazioni, vi consigliamo di visitare il sito dell'azienda.


Esistono altre soluzioni, più economiche e meno invasive rispetto a quella di costruire un ascensore, che consentono alle persone anziane o disabili di salire e scendere le scale in totale sicurezza: stiamo parlando, ad esempio, di servoscale o montascale, apparecchi che possono essere posizionati lungo uno dei lati della scala (si adattano perfettamente a scale di qualunque forma e lunghezza) e sono mossi da un motore elettrico, azionato attraverso un telecomando.
Altra soluzione che SIL.MA Ascensori vi propone è rappresentata dalle piattaforme elevatrici, apparecchi che consentono di superare un dislivello alle persone con ridotta mobilità, una soluzione pensata proprio per abbattere le barriere architettoniche.

Aspettando di capire quale sia la soluzione più adatta per la nonna, noi speriamo di avervi dato delle informazioni utili, soprattutto se avete la necessità di realizzare un ascensore, che possano aiutarvi a rendere la vostra vita più semplice e vivibile.
Buzzoole

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...