casetta cartone, kids design adesivi piastrelle moderni, consigli home, shop online arredo moderno, design, mensole moderne consigli home, esperti, garden design

23 giugno 2017

Devon&Devon Wallpaper collection

La carta da parati è magica, ha il potere di far cambiare aspetto ad un locale, di trasportarvi in un altro mondo ma, allo stesso tempo, di farvi sentire sempre a casa. I wallpaper negli anni sono cambiati molto, ora sono realizzati con materiali di alta qualità, possono essere tridimensionali e optical, sono lavabili, ignifughi e versatili.

Botanica
Botanica
Come vi avevamo accennato in un precedente post, il designer Vito Nesta ha presentato in occasione della Milano design Week oltre quaranta progetti che hanno come filo conduttore il tema della decorazione d'interni. Per l'azienda Devon&Devon l'instancabile designer di origini pugliesi presenta una collezione di carta da parati: Wallpaper Collection.

Giacarta
Knot
La prima collezione di carte da parati del marchio che nasce dalla volontà di arredare dal living al bagno con una ricca proposta di soluzioni eleganti e raffinate.
Un progetto che, dall'ideazione alla progettazione fino alla produzione, è interamente Made in Italy. Una collezione realizzata in collaborazione oltre che con il designer Vito Nesta anche con altre due designer: Francesca Greco e Ninà Farré.

Casablanca e Botanica
Rio e Costarica
Il giovane progettista ha optato per temi che ripercorrono gli universi ispirazionali legati alla decorazione d’interni della propria infanzia: dai disegni di carattere geometrico con effetti optical e tridimensionali, alle illustrazioni di richiamo vintage dai toni delicati e tratti Art Déco degli anni Trenta, fino a giungere al trionfo di colori e suggestioni sottomarine dei soggetti floreali. E poi ancora, pesci d’oro, pappine extralarge, boschi incantati, paesaggi onirici e tessuti retrò.

Samoa e Majestic
 Giacarta e Majestic
Sono in totale 32 i temi scelti, a metà tra stile classico e contemporaneo, proposti in molte varianti di colore, per un totale di 126 wallpaper.  Un prodotto di alta qualità che non rinuncia al rispetto per la natura, con l’obiettivo del minor impatto ambientale possibile. Wallpaper che si adattano a molteplici contesti, realizzati con inchiostri a base d'acqua, dai più classici a quelli più eccentrici.

Bamboo e Wagner
Continua a leggere...

21 giugno 2017

I tappeti Beni Ourain

Se amate i tappeti di sicuro conoscete i tappeti Beni Ourain, un prodotto originario del Marocco realizzato con lana di pecora al 100% senza la presenza di tinte. Un tappeto senza tempo che ha conquistato tutti, compresi due grandi architetti come Le Corbusier e Alvar Aalto che erano soliti inserirli in tutte le loro abitazioni.
Caratterizzati da tinte neutre e semplici e disegni geometrici scuri, questi tappeti si abbinano a moltissimi stili di arredamento, da quello Nordico a quello Boho-chic, un tappeto che trovate in molte riviste del settore, in molte immagini di Pinterest, tutti fattori che hanno conquistato anche noi (non poteva essere diversamente).
Un tappeto berbero che decora, morbido e soffice, che deve il suo nome alle tribù omonime che vivevano in Marocco, nelle montagne del Medio Atlante in Marocco. In questa zona vive una razza di pecore da cui si ricava della lana di alta qualità utilizzata, per l'appunto, per i tappeti Beni Ourain.


Questi speciali e bellissimi tappeti tessuti interamente a mano dalle donne marocchine li potete trovare su Sukhi, uno shop online che promuove l'acquisto consapevole a prezzi accessibili.
La collaborazione diretta tra Sukhi e gli artigiani locali permette di tagliare i costi in eccesso dovuti ad intermediari, di far guadagnare uno stipendio (superiore fino a tre volte il guadagno medio) agli artigiani e, per noi clienti, di avere un prodotto unico e personalizzato (sia per dimensione che per colore e modello) ad un prezzo ridotto e super competitivo.
Ogni tappeto viene infatti prodotto, solo su richiesta, dalle abili mani di artigiani di Nepal, India, Marocco e Turchia che inizieranno a produrlo appena ricevuto l'ordine fatto online, tappeto che vi verrà consegnato direttamente a casa vostra una volta completato.


Ora che è finalmente arrivato in casa nostra, abbiamo finalmente avuto modo di provare in prima persona la morbidezza e la bellezza di questo fantastico tappeto Beni Ourain, un tappeto Aicha arrivato direttamente dal Marocco dalle mani di Sue. Un vero tesoro che ha incantato anche la nostra piccola, che supervisiona con attenzione ogni nuovo prodotto che entra tra le mura di casa e da il suo parere insindacabile.


Il nostro nuovo tappeto è, infatti, posizionato nella sua cameretta, davanti al mobiletto dove sono ordinati i piccoli giochi e i libri, per rendere più comoda la lettura e il gioco quotidiano.

 
Sukhi, in nepalese, significa felice ed è proprio questa la mission di questo e-shop: rendere felici, portare un sorriso, oltre che sul viso dei clienti, anche che su quelli degli artigiani e delle loro famiglie. A noi ha portato molti sorrisi e siamo sicuri che ne porterà tanti anche a coloro che vorranno comprare un bellissimo tappeto da questo negozio online.

Continua a leggere...

20 giugno 2017

Unopiù: arredi outdoor che fanno tendenza

Gli spazi esterni, siano essi rappresentati da un balcone o da un terrazzo, sono sempre più parte integrante della casa e,  per questo motivo, gli arredi outdoor devono essere ricercati e confortevoli proprio come quelli studiati per gli interni.
Dobbiamo creare, anche se lo spazio a nostra disposizione è ridotto, un posto accogliente e funzionale, un'atmosfera suggestiva e magica dove poter godere della bella stagione in compagnia di amici e parenti.
Per realizzare tutto ciò il nostro consiglio è quello di affidarvi ad Unopiù, un'azienda italiana con oltre 30 anni di esperienza nell' arredo outdoor che l'han portata ad assumere una posizione leader in Europa.
La mission di questa azienda è quella di soddisfare i clienti, portando eleganza e confort all'esterno attraverso prodotti raffinati e comodi, come quelli che potete trovare nel catalogo Unopiù 2017. 


Sul nuovo catalogo troverete una vasta gamma di arredi, utili a soddisfare tutti i gusti, che possono essere inseriti sia in contesti privati che pubblici, outdoor ma anche indoor. Arredi e accessori perfetti per trascorrere del tempo a bordo piscina in assoluto relax e confort oppure in terrazza o in giardino non solo in estate ma tutto l'anno, specie se le condizioni meteo lo permettono.
Tra le tante novità del 2017 proposte da Unopiù troverete un grande classico dell'azienda: Emy, la poltroncina in teak che si ispira alla celebre Tripolina, sedia da campo degli ufficiali inglesi dell’800, proposta con un prezioso rivestimento in pelle artigianale toscana (disponibile in diverse colorazioni), tradizionalmente usata per uso esclusivo indoor. Un prodotto esclusivo, versatile, un'eccellenza Made in Italy nato per essere al protagonista in ogni locale.


Per creare uno spazio unico, accogliente e sofisticato, o per dare una nuovo look ai tuoi ambienti esterni, possono bastare anche i dettagli, come la scelta dei giusti accessori colorati e allegri, come le ceste Mandalay o i tappeti Baku realizzati in fibra sintetica.
Chiaramente affinchè l'outdoor risulti essere un prolungamento dello spazio indoor dovrete scegliere gli stessi colori e materiali utilizzati per gli interni, in modo da ampliare visivamente gli spazi.
Per rendere magica l'atmosfera non vi resta che posizionare delle piccole luci chiare o delle candele e godervi il meritato relax.


Continua a leggere...

16 giugno 2017

La casetta di cartone

Alcune settimane fa vi abbiamo mostrato sul nostro canale Instagram una casetta di cartone con la nostra piccola di casa che sbucava dalla finestrella. Una casetta che, nella foto che abbiamo postato, non era ancora terminata, ma che lei voleva subito testare e che, come testimoniano le foto che potete vedere qui di seguito, pare le sia piaciuta molto, anche se ancora incompleta.
Rispetto al primo modello, questa casetta ha ora una finestra in più per rendere più luminoso l'interno, un lucernario, delle aperture per aprire porte e finestre e un balconcino che non sappiamo quanto resisterà all'esuberanza della padroncina.
Ricavare una casetta da un grande scatolone è stato davvero facile e veloce, adesso non resta altro da fare che decorarla, anche se l'idea di lasciarla color cartone alla fine non ci dispiace.
Volevamo prenderle da tempo una casetta dove lei potesse rifugiarsi a giocare, un nascondiglio segreto all'interno della sua cameretta; in commercio ce ne sono tante, alcune molto belle, ma, quando è arrivato questo scatolone, ci è sembrato, sin da subito, perfetto per lo scopo, una soluzione a costo zero ma dal risultato, si spera, più che apprezzabile.


Come detto in precedenza, adesso non ci resta che decorarla e qui solo la fantasia può guidarci: potremmo scegliere degli stickers colorati e allegri oppure dare una mano di bianco e lasciare che sia lei, magari quando sarà un po' più grande, a decorarla con matite e pennarelli. Potremo pensare di attaccarci immagini degli animali che più le piacciono (il cane, ba-ba nella sua lingua, è il suo preferito), disegnarci piante e fiori oppure scegliere un allegro wallpaper per rivestirla.


Per rendere l'interno comodo e accogliente per ore infinite di giochi abbiamo posizionato un tappeto e dei cuscini. Ci starebbero bene anche delle lucine per poter giocare nella casetta anche di notte. Magari quando sarà finita ve la mostreremo sui nostri social per cui continuate a seguirci e se avete dei consigli su come decorare la casetta della nostra piccola, non esitate a scriverci, abbiamo bisogno anche del vostro aiuto e delle vostre idee per completare la casetta di G.

 (My Pinterest)
Continua a leggere...

14 giugno 2017

Ispirazione fluo a Barcellona

Tempo fa avevamo risposto ad una richiesta avanzata da una nostra affezionata lettrice che voleva inserire tra le mura di casa un colore fluo: oggi vogliamo riprendere l'argomento mostrandovi un appartamento in Spagna in cui è stato utilizzato un colore verde fluo per decorare e mettere in evidenza alcuni punti della casa.
Lo studio Miel Arquitectos, che si è occupato della ristrutturazione di un appartamento di 65 mq a Barcellona, lo ha convertito in casa per brevi soggiorni per turisti. Il colore fluo è stato scelto per mettere in evidenze le nicchie delle due anticamere e le porte che collegano la cucina ai bagni, colore, come si può vedere dalle foto postate qui di seguito, in netto contrasto con il pavimento

 

La luce naturale si riflette sulla parete a specchio e, grazie anche alle pareti bianche, inonda la cucina e sottolinea il soffitto a voltine. Una cucina dotata di penisola, attrezzata su due lati con degli sgabelli, viene illuminata da dalle Pet Lamp di Alvaro Catalán de Ocónin realizzate in plastica riciclata.





Accanto alla cucina è stato posizionato il salotto, arredato con un divano e due poltrone, arredi semplici dai colori neutri, rallegrati da molti cuscini colorati.



Nell'ingresso è stato inserito una scrivania-libreria in legno su misura progettato dallo studio barcellonese.


Nelle camere da letto la fanno da padrone il bianco e il legno, scelto per la testiera che funge anche da mini scrivania. Oltre al letto matrimoniale le due camere, poste agli estremi dell'appartamento, hanno cabine armadio su misura disegnate dai progettisti spagnoli.



Continua a leggere...

12 giugno 2017

Riscalda la casa risparmiando

Il riscaldamento della casa incide in maniera pesante sul conto economico di una famiglia quindi, per chi volesse risparmiare, sia a livello economico che energetico, bisogna scegliere la caldaia giusta, una caldaia a condensazione, un modello di ultima generazione sicuramente più efficiente rispetto alle caldaie del passato.
Un modello di caldaia che vi consigliamo perchè è in grado di sfruttare il calore residuo dei fumi di combustione, cosa che non succede nelle caldaie standard perchè viene disperso nell’ambiente. In questo modo eviterete sprechi inutili di calore, consumerete di meno e, di conseguenza, le vostre bollette saranno più basse.



È importante sfruttare la condensazione, in particolare lavorando a bassa temperatura e a bassa potenza.  Le caldaie a condensazione sono indicate per le nuove costruzioni dotate di impianti di riscaldamento a pavimento, ma risultano essere perfette anche in caso di ristrutturazione con la presenza di vecchi radiatori. Anche in caso di temperature basse viene garantito il comfort ambiente con un netto risparmio in bolletta. A seconda delle necessità si possono aumentare il numero di elementi radianti o le ore di funzionamento.
Noi vi consigliamo una caldaia a condensazione Ariston, come Clas Premium Evo, un modello che si contraddistingue per il suo design accattivante e per la sua tecnologia innovativa che permette di riutilizzare l'energia dei fumi di scarico incrementando il rendimento termico ed eliminando gli sprechi. Ma questo tipo di caldaie non esprime il massimo del rendimento se non viene accoppiata alla termoregolazione e ad una corretta regolazione dei parametri della caldaia.


Ma la caldaia giusta non basta per ottenere il massimo risparmio energetico ed economico: bisogna infatti adottare anche alcuni accorgimenti utili. La prima cosa che dovete fare è migliorare l'isolamento termico, eliminando eventuali dispersioni dovute a spifferi d'aria poichè anche la struttura della vostra casa andrà ad incidere sul massimo risparmio energetico ed economico dalla vostra caldaia.
Se la vostra abitazione ha una buona coibentazione, doppi vetri di qualità, un cappotto termico e un corretto isolamento di tetto e pavimenti, allora otterrete un buon risparmio sulla bolletta.
Ricordatevi di chiudere le finestre quando l'impianto di riscaldamento è in funzione, cambiando l'aria solo quando sarà spento. Inoltre non posizionate i radiatori in luoghi non idonei allo scambio termico come ad esempio dietro le porte, le tende o dentro dei mobili e ricordate che la temperatura di casa non deve mai superare i 20°C di giorno e scendere di qualche grado di notte, soprattutto nelle camere da letto.
Continua a leggere...

9 giugno 2017

Prepara il balcone per l'estate

Il caldo è finalmente arrivato e, con esso, come ogni anno, ecco che riaffiora anche la voglia di passare più tempo all'aria aperta insieme ad amici e familiari, approfittando dei mesi estivi per organizzare pranzi all'ombra di un pergolato o cene a lume di candela.
Potete organizzare questi eventi, senza allontanarvi da casa, usando il vostro giardino; se, invece, avete solo un balcone o un terrazzo, potete comunque pensare di organizzare lo spazio  a vostra disposizione arredandolo in modo pratico e accogliente in modo che sia voi che i vostri ospiti possiate godervi al meglio l'estate.
Ad influire sull'arredo del terrazzo sarà chiaramente la sua dimensione e lo stile che avete scelto per l'indoor (che dovrà essere ripreso per l'outdoor in termini sia di colori che di materiali), dato che l'esterno è un'estensione dell'interno e scegliere lo stesso stile amplierà visivamente l'ambiente esterno.


Se avete un terrazzo piccolo o un balcone, potete scegliere di adibirlo a zona relax dove poter prendere il sole nelle belle giornate, un luogo dove sorseggiare il primo caffè della giornata ammirando il paesaggio (nel caso in cui godiate di una bella visuale), dove l'aria profuma di fiori e dove potrete ascoltare il cinguettio degli uccellini sotto un cielo azzurro.

Ma per potervi rilassare in pieno, sia di giorno che di sera, il terrazzo dovrà essere confortevole, sia per gli occhi che per il fisico: via libera quindi a piante pieni di fiori colorati, un piccolo tavolo e un paio di sedie, meglio se pieghevoli, da aprire solo al bisogno, un pouf o una cassapanca, tanti morbidi cuscini a tinta unita o fantasia, una lanterna per portare un tocco magico e un bel tappeto, magari in erba sintetica, per simulare un soffice prato.
Chiaramente tutti gli arredi dovranno essere scelti in modo da poter resistere alle intemperie e dovranno essere posizionati, sopratutto se i terrazzo è stretto e lungo, alle sue estremità in modo che lo spazio al centro rimanga libero per potersi muovere liberamente.


Se lo spazio a vostra disposizione ha una superficie più ampia, potete inserire un'amaca, una poltrona sospesa o i più classici mobili in rattan, midollino o materiali plastici, che possono essere lasciati all'aperto tutto l'anno senza correre il rischio che si rovinino.

Per creare la giusta privacy e per ripararvi dal sole troppo forte (o dai temporali estivi), dovete pensare di far realizzare una copertura per il vostro terrazzo e di posizionare una protezione, realizzata in tessuto o in canne, da applicare alla ringhiera del balcone.
Le coperture possono essere fisse o removibili, come una semplice tenda da sole, o, nel caso di terrazzi più grandi, come pergolati o gazebi.

(My Pinterest)

Per il nostro piccolo balcone, per ora, abbiamo scelto un paio di piante grasse, un gelsomino che, con i suoi fiori, profuma lo spazio e un pouf-poltrona morbido e confortevole di Avalon, che abbiamo trovato sul sito Modaedesign.com. Un pouf a  sacco realizzato in tessuto tecnico antistrappo, resistente, impermeabile e lavabile, pieno di palline di polistirolo, ideale sia per indoor che per outdoor. Un prodotto davvero comodo che, volendo, potrete personalizzare scegliendo colore e materiale, un pouf che potrete "modellare" come volete e che i bambini ameranno come dimostra la nostra piccola che, infatti, già lo adora.

Continua a leggere...

7 giugno 2017

Piante da esterni a interni

Se siete stanchi delle solite piante da appartamento allora forse è arrivato il momento di provare a portare tra le mura di casa degli alberelli che, di solito, sono esclusivi dell'outdoor, cioè le piante da frutto, che, se messe a dimora in terra, possono assumere dimensioni davvero generose, ma che possono essere coltivate in vaso e sopravvivere anche in contesti indoor.


Le prime a scegliere di inserire in casa delle piante da esterno, come il fico comune, sono state le interior styling dei paesi nordici; sicuramente su pinterest avrete visto diversi appartamenti dove questa pianta, più o meno grande, arreda e decora locali luminosi crescendo sana e rigogliosa.


Ma non solo il fico, anche l'olivo o l'avocado, la cui pianta si ricava semplicemente dal seme del frutto, possono essere scelti come piante per decorare gli interni, magari posizionate in grandi vasi di terracotta o in cesti in fibra naturale posti in camera da letto o in salotto.


Se anche voi volete seguire questa moda ma non sapete se queste piante sono adatte alla vostra casa, è bene affidarsi e seguire i consigli di chi ha già maturato una certa esperienza in questo campo. Noi, ad esempio, abbiamo posto alcune domande ad Elisa Campra di Neò natura su misura, esperta del settore green che progetta e realizza spazi verdi a Torino. Qui di seguito trovate gli utili consigli che ci ha fornito Elisa.

La coltivazione di piante da esterno in casa è possibile? Faranno mai frutti?

In linea di massima, le piante da esterni non sono davvero adatte ad essere coltivate in interno: sembrerà una banalità, ma le piante hanno davvero bisogno di luce, aria e pioggia che non possono trovare nei nostri appartamenti.
Se consideriamo le piante propriamente da interni, si tratta di piante tropicali e sub tropicali che si adattano alle condizioni di vita  indoor pur con qualche accorgimento: luce non diretta, annaffiature frequenti, attenzione alle correnti...Insomma, un po' una forzatura alla quale però si adattano, provenendo da climi che, almeno in parte, hanno qualche caratteristica in comune con le nostre case.

Diverso è invece il discorso per quelle piante che da noi, nel nostro clima, sono abitualmente coltivate fuori e che invece, magari perché siamo troppo a nord,  pensiamo di poter coltivare semplicemente portandole all'interno per proteggerle dalle basse temperature. Sto pensando, ad esempio al limone o all'olivo che spesso si cercano di far crescere in vaso in salotto. Si tratta di una forzatura che raramente può dare buoni risultati: il clima delle nostre case é comunque troppo caldo o troppo secco e favorisce la debolezza della pianta che finisce per ammalarsi. Figuriamoci dare frutti...Molte piante da esterno, se delicate, possono trovare riparo nei nostri androni, se luminosi, nei pianerottoli o in situazioni all'interno dell'edificio ma che non siano riscaldati.

Quali sono le piante da esterno che possono essere coltivate indoor?

Tra le piante che abitualmente vivono fuori, possiamo trovarne qualcuna che ci può accompagnare anche dentro. Ad esempio, le begonie e le fucsia possono vivere in casa, in piena luce e ben annaffiate. Anche l'edera può ricadere vicino alla televisione e tutte le erbe come il rosmarino o la salvia o i peperoncini , anch'esse in piena luce e ben innaffiate, possono stare vicino al piano della cucina. Si potrebbe provare anche con i gerani, da portare dentro ai primi geli e da riportare fuori con il caldo, anche se la fioritura potrebbe non essere garantita. Sembra che anche il bosso possa trovare spazio in salotto ma, ad essere sincera, non ho mai provato.

(My Pinterest)

Se volete avere altre informazioni sulla coltivazioni di piante da interno e da esterno non esitate a contattare direttamente Elisa che ringraziamo ancora una volta per aver collaborato con il nostro sito.
Continua a leggere...