Navigation Menu

featured Slider

Arredamento ed Interior Design

Collaborazioni

About me

Le mie foto


Sono un'architetta con una grande passione per il design e per l'interior. Amo le case con carattere che sappiano trasmettere sentimento e passione indipendentemente dallo stile scelto per arredarle. Arredamento Facile è nato nel 2011 dopo aver acquistato casa ed avere affrontato scelte difficili sulla ristrutturazione, sull'arredamento, sui colori e complementi con l'intento di mettere a vostra disposizione l'esperienza fatta per risolvere i vostri dubbi, supportandovi nelle scelte che riguardano la casa. Benvenuti!


Come progettare il piano di lavoro della propria cucina

Quando si sceglie l’arredo di una cucina, occorre tener conto di diversi fattori quali le proprie preferenze estetiche, le esigenze pratiche e il budget a disposizione. Lo spazio e la distribuzione dei vari moduli devono essere organizzati e progettati in modo che siano, al tempo stesso, funzionali e pratici; è bene optare per mobili di alta qualità e scegliere un piano di lavoro adatto alle abitudini di chi lo userà.

Cucina Aspen di Doimo Cucine
Aspen di Doimo Cucine
Una delle scelte più difficili da prendere è proprio quella rappresentata dal piano di lavoro che, oltre ad essere in linea con il resto dell’arredo, deve essere robusto, idrorepellente, resistente al calore e all’umidità, igienico e facile da pulire. 

Per quanto concerne il top, in commercio, per cercare di soddisfare ogni tipo di richiesta, è possibile trovare una grande varietà di proposte. Noi vi consigliamo di puntare sempre su materiali tecnologici che sono in grado di garantire alte prestazioni e facile manutenzione, come quelli proposti da Doimo Cucine, brand 100% Made in Italy, da sempre impegnato nello studio e nella ricerca di materiali altamente innovativi e nell’utilizzo di nuove tecnologie per proporre soluzioni funzionali e in linea con i più recenti trend dell’arredamento.

tavolo da cucina Doimo Cucine modello Aspen
Aspen di Doimo Cucine
Il piano di lavoro è un componente fondamentale di una cucina con il quale siamo soliti interagire in vari momenti della giornata, dalla preparazione della colazione alla cena. Su di esso andranno posizionati elementi indispensabili per la preparazione e la cottura del cibo come il lavello (che può essere installato sopra-top, filo-top o sotto-top) e il piano cottura. Se il top è di dimensioni generose, può essere usato come superficie d’appoggio per quelle attività che siamo soliti compiere quotidianamente in cucina come pulire, tagliare, impastare, impiattare, appoggiare piatti e pentole calde. Ovviamente possiamo usarlo come base di appoggio fissa per piccoli elettrodomestici di uso quotidiano per averli sempre a portata di mano. 

Il top potrà essere reso ancora più funzionale con l’inserimento di prese di corrente poste a parete o, in caso di cucina a isola o penisola, inserite in una torretta elettrica a scomparsa da usare al bisogno.

Doimo Cucine modello Style
Style di Doimo Cucine
Inoltre il piano di lavoro, profondo 60-80 cm nel caso di top a parete arrivando a 120 cm nel caso di isola, potrà essere attrezzato con uno o più contenitori integrati, generalmente posti dietro l’area cottura e lavaggio e solitamente utilizzati per accogliere scolapiatti, utensili, porta oggetti, e con dei contenitori da piano, composti da vaschette di metallo e sostegni fissati al piano lavoro, solitamente utilizzati per tenere a portata di mano condimenti e spezie; un esempio di questo tipo di soluzione lo potete trovare nel modello SoHo di Doimo Cucine.

Un top dalla maggiore profondità può anche ospitare una cappa da piano, comunemente nota con il termine down draft, cioè integrata nel piano. Tale cappa può essere collocata dietro o a fianco al piano di lavoro, da portare a vista solo al momento dell’utilizzo.

Modello Soho domo cucine
SoHo di Doimo Cucine
Il piano di lavoro, come dicevamo all’inizio del post, deve essere non solo funzionale e pratico ma anche esteticamente piacevole, gradevole al tatto e durevole nel tempo. Essendo, infatti, l’elemento della cucina maggiormente soggetto all’usura per via dell’utilizzo quotidiano e venendo costantemente a contatto con alimenti, detergenti e utensili di tutti i tipi, bisogna ponderare con attenzione la scelta del materiale da prediligere per la sua realizzazione. 

Particolare della cucina Aspen di Doimo Cucine
Particolare di Aspen di Doimo Cucine
I materiali proposti da Doimo Cucine vanno dai classici quarzi, laminato o acciaio inox, fino a materiali di nuova generazione come Corian® o Fenix NTM®: scopriamone insieme i principali pregi.

Iniziamo con Fenix NTM®, un materiale innovativo, composto da cellulosa e resine particolari, che, grazie ad un trattamento con nanotecnologie, risulta essere anti impronta, super opaco, igienico, morbido al tocco, resistente ad acqua, urti, sfregamenti, solventi e, in caso di micro graffi, può essere riparato.


Fenix NTA® è l’evoluzione del Fenix del quale mantiene inalterate le caratteristiche principali quali l’anti-impronta, la setosità al tatto, la resistenza ai graffi e alle abrasioni, l’estrema opacità e la facilità di pulizia, proponendo, come elemento innovativo, la resa estetica del metallico.

Particolare della cucina Soho di Doimo Cucine
Particolare di SoHo di Doimo Cucine
Altre lastre dalle ottime performance sono quelle in Betacryl®, materiale composito formato da minerali naturali e polimeri acrilici che, oltre ad essere resistente, compatto e caldo al tatto, può essere riparato in caso di graffi ed è saldabile senza lasciare alcun segno visibile.

Tra i materiali più conosciuti per la realizzazione dei top moderni, troviamo l’Okite® e il Silestone®, compositi a base di quarzo, disponibili in un’ampia gamma di colori ed effetti cromatici, caratterizzati da elevata resistenza e compattezza, resistenza ai graffi, al calore e alle macchie. 


Tra i materiali migliori e più innovativi per i piani della cucina troviamo il Dekton®, una sofisticata miscela delle migliori materie prime utilizzate nella produzione di vetro, materiali ceramici e quarzo di altissima qualità. Parliamo di un materiale altamente tecnologico che, grazie all’assenza di porosità, è molto resistente ai graffi, alle macchie e al calore oltre a rappresentare il massimo dal punto di vista igienico. 


Un materiale naturale pregiato e di estrema eleganza, sia nei cromatismi che nelle texture, tornato di moda in questi anni, è il marmo, molto apprezzato per l’alta resistenza ai graffi e al calore. Ad esempio, Doimo Cucine per Style, una cucina moderna ed elegante, propone un raffinato marmo Fior di pesco.

Particolare della cucina Style di Doimo Cucine
Particolare di Style di Doimo Cucine
Un piano lavoro che ben si adatta a cucine dallo stile industriale è quello realizzato in acciaio inox. Tale materiale è caratterizzato da una grande resistenza alle macchie e al calore, è facile da pulire ed affidabile nel tempo e, grazie alla finitura satinata o vintage, rimedia alla tendenza a graffiarsi. Nel piano in acciaio, il lavello e la zona cottura possono essere incassati e saldati in modo da ottenere un piacevole ed armonioso effetto di continuità.

Se alle caratteristiche prima citate dell’acciaio inox si unisce il calore e l’estetica del peltro, si ottiene il Peltrox®, un materiale che rimane stabile nel tempo dal prezzo molto più accessibile. 


Il materiale più usato, soprattutto per il suo costo contenuto e per la vasta gamma di colori proposti, nonché per la brillantezza e la tridimensionalità che è in grado di fornire, è sicuramente il laminato. Con la sigla HPL (High Pressure Laminate, cioè laminato ad alta pressione) viene indicato il modello più pregiato, resistente ed impermeabile tra quelli comunemente disponibili in commercio e, quindi, più indicato per i top della cucina. Il laminato replica in modo molto realistico molti materiali naturali come il legno e la pietra.

Cucina Soho di Doimo cucine
SoHo di Doimo Cucine
La scelta del materiale, del colore, del design, del top della cucina contribuirà a definirne lo stile e l’identità. È quindi importante scegliere se metterlo in evidenza, magari in contrasto con la base e il resto dei mobili della cucina, o se prediligere l’uniformità cromatica fra tutte le parti. 

Se optate per la prima soluzione, ricordate che l’elemento su cui maggiormente puntare sarà la texture del materiale, il fascino del top; nel secondo caso, invece, darete vita ad un ambiente minimal da rendere suggestivo sfruttando il tono su tono.

La nuova Bocca di Gufram

L'iconico divano Bocca, disegnato da Studio 65 nel 1970 in occasione del suo 50 ° anniversario, cambia faccia rivoluzionando la propria immagine: non è più solo rosso fuoco, ma, per festeggiare nel migliore dei modi l'evento prima citato, si veste di 25 nuovi colori. Infatti, per celebrare il compleanno del mitico arredo, Gufram rinnova non solo il colore ma anche il tessuto delle famose labbra, puntando su un tessuto senza precedenti, più materico e strutturato.

Studio 65 - divano Bocca

Marilyn Garosci, proprietaria del centro benessere Contourell, incaricò, sul finire degli anni '60, lo Studio 65 di progettare gli interni della struttura.
Gli architetti, per caratterizzare la hall del centro benessere, disegnarono un'opera destinata a diventare un pezzo cult, il divano Bocca, traendo ispirazione dall'opera d'arte che Salvatore Dalì dipinse negli anni '30 per catturare la sensualità dell'attrice americana Mae West.
Nel quadro surrealista prima citato, la bocca dell'attrice è disegnata come un divanetto rosso, arredo a cui lo Studio 65 ha dato vita, creando più che un oggetto pop un protagonista dall'aspetto elegante e femminile e dall'anima sensuale e provocatoria.

Nuance e nuovi colori divano Bocca

L'ispirazione venne anche dal nome della committente che si chiamava Marylin come Marylin Monroe, sex symbol del cinema Hollywoodiano, che, proprio in quegli anni, era solita sfoggiare labbra laccate di un colore rosso acceso. Per questo motivo il divano negli Stati Uniti è conosciuto come "Marylin sofa".
Con il tempo quest'opera è diventata un'icona pop del design internazionale, protagonista degli scatti dei più grandi fotografi, di moltissimi editoriali, delle scenografie di tour mondiali di famose cantanti internazionali, di mostre in numerosi musei internazionali. Un'icona del design che, se nel 2008 si è dipinta di fucsia nella versione Pink Lady e di nero per Dark Lady (con tanto di piercing a misura), ora punta su 25 nuovi colori che si fondono con le sue linee sinuose per dare vita ad una nuova stagione, dove i cromatismi più accesi convivono con i toni neutri.

Divano bocca total black con piercing

Il nuovo tessuto che ricopre la Bocca è realizzato in lana bouclé, prodotto che assorbe la luce in modo del tutto inedito e che rafforza la capacità di questo divano di restituire agli ambienti la sua presenza scultorea.
Si tratta di un tessuto elegante e resistente che conferisce una finitura opaca alle labbra più famose del mondo del design.
La nuova texture e la vasta gamma di nuove nuance rendono questa scultura, dal cuore in poliuretano espanso e dalla forte personalità, estremamente versatile
.

Live Protection: per una vita smart

Quando ci allontaniamo da casa, per pochi giorni o per un lungo ponte, il nostro primo pensiero è che rimanga un luogo sicuro, protetto; per questo, non sarebbe male poter controllare casa nostra anche da remoto. In passato vi abbiamo già parlato di sistemi di allarme efficienti ed intelligenti; oggi vogliamo parlarvi di una novità nell’ambito residenziale dell’Internet of Things,cioè Live Protection, start up del gruppo Linkem. 

Sistema per controllare casa da remoto

Un sistema smart home sviluppato in partnership con Acotel che vi permetterà di monitorare e proteggere, in tempo reale, i vostri famigliari e la vostra casa e di saperla protetta ed al sicuro anche quando siete lontani. Grazie a Live Protection potrete rendere più sicura e intelligente la vostra casa grazie a soluzioni che utilizzano la domotica per farvi sentire più protetti. Live protection è un sistema Made in Italy che mette a vostra disposizione varie soluzioni e prodotti per garantirvi sempre il massimo della sicurezza

sistema protezione casa


È possibile, ad esempio, scegliere tra lo Starter Kit e gli Smart Sensor, sistemi che comprendono una vasta gamma di apparati e dispositivi di altissimo contenuto tecnologico tra cui videocamere motorizzate, sensori di rilevamento di movimento, sensori di perdite d’acqua, prese intelligenti, sensori porta/finestra e la fornitura, in comodato d'uso, dell'HUB, l'elemento centrale del sistema Live Protection. Dopo aver acquistato il kit, potrete personalizzarlo aggiungendo ulteriori sensori per rendere la vostra casa sempre più intelligente.

controllo remoto casa

Questi innovativi prodotti verranno installati e configurati gratuitamente a casa vostra solo da tecnici specializzati che vi supporteranno nel posizionamento e nella configurazione degli stessi. Grazie all’App Live Protection potrete monitorare e gestire tutti i vostri dispositivi e sensori attraverso un unico strumento semplice e sempre a portata di mano. 
In caso di allarme e/o intrusione, verrete avvisati telefonicamente da un call center attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in modo che possiate verificare cosa è accaduto e intervenire tempestivamente. Il video registrato dalle telecamere in caso di allarme sarà a vostra disposizione in Cloud per 14 giorni; volendo potrete anche salvarlo e conservarlo in locale.
Live Protection è un prodotto intelligente e curato nei minimi dettagli che si integra alla perfezione con l’ambiente circostante.



Grazie a questo sistema, potrete assicurarvi che i vostri genitori anziani, che vivono da soli lontano da casa vostra, o che il vostro amico a quattro zampe stiano bene o controllare la nuova tata dei vostri bambini quando voi siete lontani da casa, godendovi, in questo modo, il vostro tempo libero lontano da casa, rendondo la vostra vita più semplice e serena.

Decorazioni mobili per la casa

In passato vi abbiamo già mostrato dei modelli di sculture per la casa, oggetti decorativi che possono essere appesi alle pareti per dare loro un tocco unico. Oggi torniamo sull'argomento per parlarvi delle sculture cinetiche che si ispirano alle opere aeree di Alexander Calder.

Opere di Alexander Calder - modelli di sculture
Credits
Calder, negli anni Trenta, cominciò ad assemblare delle forme geometriche tenute da sottili steli metallici con contrappesi: gli hanging mobile. Si tratta di sculture sospese capaci di muoversi sfruttando lo spostamento d’aria e delle persone, opere poetiche che portano un tocco di allegria e colore nella cameretta dei nostri bambini ma che, allo stesso tempo, decorano con raffinatezza anche il resto della casa

Esempio di sculture sospese per la cameretta dei bambini
Credits
Opere minimali, delicate, sottili, caratterizzate da forme grafiche fluide, realizzate utilizzando diversi materiali come legno, metallo e dipinte con diversi colori. Sculture di grandi dimensioni che oscillano dolcemente nello spazio alla ricerca di un equilibrio, opere che vestono elegantemente ogni locale, prodotti incantevoli da ammirare.

Esempi di sculture sospese per il soggiorno
Credits
In questo post abbiamo voluto mostrarvi solo alcune delle sculture cinetiche che più hanno colpito la nostra attenzione, ma in commercio potete trovarne molte altre; vi basterà fare un salto, ad esempio, su Etsy e fare una ricerca tra i molti hanging mobile in vendita e di sicuro troverete quello che vi emozionerà.

esempio di hanging mobile
Credits

Cameretta Montessoriane: l'armadio

Il famoso metodo pedagogico di Maria Montessori pone l'attenzione sull'autonomia dei bambini, sul rispetto delle loro esigenze, inclinazioni personali e sulla loro curiosità. Se in passato vi abbiamo mostrato, in un nostro post, un lettino che si basa su questa filosofia, oggi vogliamo mostrarvi degli armadi che possano aiutare i nostri piccoli a raggiungere l'indipendenza. 

La prima e più importante caratteristica che deve avere un armadio pensato per dei bambini è quella di dover essere accessibile: deve cioè essere organizzato in modo che il piccolo possa da solo scegliere, prendere e riporre i vestiti in totale autonomia.
Ad esempio, un basso stand porta abiti a giorno, sul quale appendere in maniera ordinata i vestiti, gli permetterà di accedere facilmente alla struttura e di divertirsi scegliendo da solo cosa indossare ogni giorno.

esempio di armadio per bambini
Credits
Se avete già un armadio dove siete soliti riporre i vestiti del vostro piccolo, potete aggiungere un'asta appendiabiti, magari appesa ad una mensola o direttamente al soffitto, su cui posizionare i vestiti da indossare nel corso della settimana che avrete scelto insieme.
Lasciate che sia il vostro bambino a scegliere cosa indossare, anche se farà abbinamenti audaci; lasciate che esprima la propria personalità anche nella scelta del proprio outfit.

metodo montessori per cameretta bimbi
Credits
Se proprio l'idea di un armadio aperto, dove il disordine è a vista, non vi piace, potete sempre scegliere di nasconderlo al bisogno proteggendolo anche dalla polvere utilizzando una tenda appesa al soffitto.

Armadio camera bimbi con metodo montessori
Credits
Potete scegliere di acquistare un armadio aperto, magari a forma di casa, in cui riporre, ad esempio, le scarpe nella parte inferiore, oppure optare per un armadio chiuso con un semplice gancio, facile da aprire e chiudere per un bimbo, magari dotato di un'asta portabiti appesa tra l'armadio stesso e il muro, sui cui collocare solo gli abiti da usare il giorno seguente.

Armadio chiuso per cameretta bimbi con asta
1-2
Se vi piace l'idea e avete abilità manuali, potreste scegliere di costruire un armadio aperto da soli: in questo modo avrete un arredo su misura, perfetto per sfruttare lo spazio a vostra disposizione.
Se invece avete già acquistato un normale armadio, potete renderlo più accessibile al vostro piccolo mettendo nella parte alta il cambio di stagione e nella parte inferiore tutti i vestiti adatti alla stagione presente.

Il futuro dei mobili è nell'affitto

Se negli Stati Uniti la pratica di noleggiare i mobili è ormai consolidata da diversi anni, in Italia invece tale moda è arrivata da poco ed è destinata ad avere successo soprattutto tra le nuove generazioni, consumatori sempre in movimento, che devono spostarsi periodicamente e cercano soluzioni flessibili. Parliamo di studenti, expat e lavoratori che vivono lontano dalle loro famiglie.

Mobili del soggiorno a noleggio

Ikea da sempre segue le mode del momento e, nell'epoca della sharing-economy, presto ci permetterà di noleggiare per un tempo determinato alcuni dei suoi mobili e complementi d'arredo.
L'azienda svedese, così facendo, apre la strada ad un nuovo modello di business basato, fino ad ora, esclusivamente sulla vendita di mobili low-cost. Ikea testerà questa idea originale ed innovativa in Svizzera partendo dai mobili da ufficio, per poi estenderla ad altri paesi e ad altre tipologie di arredo.
Terminato il periodo di noleggio, i mobili potranno essere acquistati o restituiti e, chi lo desiderasse, ne potrà affittare altri.
Gli arredi resi non verranno buttati via, ma saranno riparati, riutilizzati, riciclati o rimessi in vendita; con questa soluzione, l'azienda punta ad allungare il ciclo di vita dei suoi prodotti.

Mobili per ufficio in affitto

Un'altra azienda che ha portato nel nostro paese il trend internazionale del mobile in affitto è Studio Apeiron, brand italiano di design e architettura con sede a Macherio (MB) che, con la campagna #AfforTable, ha scelto di portare in Italia l’affitto del tavolo di casa. Con un solo euro al giorno sarà infatti possibile avere in casa un prezioso tavolo dal design eco-sostenibile made in Italy. Trattasi di un tavolo frutto dell’artigianato italiano ed eco-sostenibile, realizzato con materiali di pregio naturali e riciclabili.
I tavoli, realizzati con legno di cedro profumato del Libano, possono essere personalizzati (colore, finitura del piano, stile delle gambe) e presi in affitto in tutta Italia per un periodo minimo di 6 mesi. Alla fine di tale periodo, sarà possibile riscattare il tavolo pagando solo la differenza del suo valore.

Tavoli in affitto Studio Apeiron

Il mercato dell'arredamento, così come è successo ad altri settori merceologici in precedenza, è destinato a cambiare per andare incontro alle necessità economiche dei più giovani prediligendo soluzioni che siano ecosostenibili, pratiche ed economicamente vantaggiose.

Post più letti

Seguici su Instagram