10 maggio 2013

Compatte e moderne


Il cuore della casa è la cucina, ve lo abbiamo ripetuto tante volte, ma se la pensassimo in maniera non consueta, estrapolata dalle quattro mura per vederla come un mobile smontabile, essenziale ma allo stesso tempo completo. Una cucina che sarà sempre il fulcro, ma con cui ci rapporteremo in maniera diversa perchè sarà studiata per essere un pò futurista, attenta alle dimensioni oltre che alla funzionalità. Oggi vogliamo mostrarvi tre cucine davvero particolari.


  • Critter di Elia Mangia per Skitsch. Essenziale, ma completa, questa curiosa cucina che si può smontare, trasportare e assemblare in poche mosse. Comprende un piano cottura a due fuochi, un lavello, un bidone per i rifiuti, un piano di lavoro (apribile che nasconde alcuni vani portaoggetti), lo spazio per la bombola del gas e un binario per appendere le stoviglie e gli accessori sotto il bancone. Adatta per essere portata in giardino, in veranda o per una casa delle vacanze. Realizzata in legno di frassino, ghisa e acciaio inox. Dimensioni: 240 x 65 cm x h 91 cm.


  • Future cook di Aslihan Tokat. Ingombro ridotto al minimo per questa tecnologica workstation multifunzionale che permette la preparazione dei cibi grazie ad un piano ad induzione e ad un food processor integrato. Dotata inoltre di una zona lavaggio e di una per la preparazione dei cibi. Ma il fatto più sorprendente è che è interattiva, quindi mentre state cucinando potrete vedere, sul piano, le ricette o delle informazioni nutrizionali sugli alimenti.



  • Ecooking Kitchen di Massimo Facchinetti per Clei. Una cucina verticale dal minimo ingombro, ma ricco di funzionalità, diviso in moduli estraibili. Comprende un frigo, una lavastoviglie, un forno,  un piano cottura, un lavello con rubinetto a scomparsa, posti a sedere per 6, una piccola macchina del caffè e un micro giardino per le erbe aromatiche. L'acqua del lavandino viene filtrata e riutilizzata per le piante e la lavastoviglie, la cappa purifica l'aria grazie a dei nanomateriali di biossido di titanio, mentre ad alimentare gli apparecchi elettrici ci pensano dei pannelli solari.


Ora che vi abbiamo mostrato tre cucine alternative voi le provereste? lascereste la vostra amata cucina per una più tecnologica e più compatta? 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...